Archivi tag: folk

MERCOLEDÌ 15 APRILE: PAOLO FOR LEE + ANNA OPPIO PIEDE PERNOD N.2

Copertina 15 aprile

Quando ero piccolo e andavo in vacanza dai miei nonni, ero l’unico della famiglia che aveva un cognome diverso da quello dei miei cugini perché mia madre è l’unica figlia femmina in un clan di maschi. E allora, io un po’ mi vergognavo e sognavo il giorno in cui avrei cambiato cognome, per essere anche io come loro. Ecco, non so cosa sia saltato in mente a Paolo Forlì, che una volta si faceva chiamare Bungalow 62 e ora invece Paolo For Lee (una roba che, a dirla tutta, avevamo già scritto noi a Musica Sigillata, quando, cannando completamente la provenienza, eravamo riusciti a stampare un volantino in cui c’era scritto “dreamfolk from For Lee”. Quindi, quello che voglio dire è che un po’ è colpa nostra). Però, insomma, qualcuno deve essersi scordato di dire a Paolo che la grattugia serve per ridurre il parmigiano in minuscole scaglie. Cioè, non è che te la devi ingoiare. E invece, ecco. Paolo ha sbagliato e adesso ha messo su una voce che Tom Waits sembra Farinelli. Quindi, Paolo Forlì, forte di questo suo timbro sempre più prossimo a una sega sul tronco, si è recato in studio e ha registrato questo disco pazzesco, che si chiama per l’appunto “Minneapolis” e che sembra inciso in una caverna, tipo graffito.

Sulle pareti del Pastis, invece, proprio per contrasto, c’è Anna Oppio. Ecco. Per Anna, non avrebbe senso cambiare cognome, perché trovarsi un indice di dipendenza già all’anagrafe e senza neanche sforzarsi è una bella fortuna. Fatto sta che Anna è un’illustratrice coi capelli rossi, il che è già tutto un dire. Che poi magari sono tinti, eh. Però, insomma, se hai i capelli rossi e li porti con un taglio alla Giamburrasca, devi fare l’illustratore. Oppure Giamburrasca. Quando l’ho vista per la prima volta, ho capito che l’avrei tampinata per farle esporre qualcosa, anche se non sapevo nemmeno cosa facesse. Però, sai come si dice, un po’ come quel film con Eminem in cui Brittany Murphy, pace all’anima sua, non fa altro che dire a Eminem “I got a feeling about you” o qualcosa del genere. Ecco. Viene fuori che Anna ha appena pubblicato un libro per bambini, che si intitola ” Peppino il Fino”, edito da Fabbrica Musicale Edizioni. E quindi, niente, il risultato è che mercoledì 15 aprile inauguriamo questa mostra delle tavole originali del libro.
L’orario del secondo Piede Pernod della storia è quello: 19.30 o giù di lì. Dovrebbe essere scontato ma mi preme sottolineare che, essendo questa una rassegna che prevede musica dal vivo e non stuzzichini con piano-bar – il concerto lo ascolti davanti al palco, non bevendoti un tamarindo a 300 metri di distanza. Mentre uno suona, magari se non parli ancora più forte perché, “porca miseria, questo tizio che strimpella proprio non capisce che voglio raccontarti che da Zara ci sono i calzini in saldo”, fa lo stesso.
Contrassegnato da tag , , , , ,